Dimensione testo notizia A A A
17 March 2010A cura di:Giorgio Piccitto

India: scoperti graffiti raffiguranti extraterrestri e dischi volanti

ancientufos1 India: scoperti graffiti raffiguranti extraterrestri e dischi volanti

Un scoperta fatta da un gruppo di antropologi in India ha alimentato le teorie sull’esistenza degli extraterrestri e  i loro presunti contatti con l’umanità. Interscambi pacifici che sembrano siano stati intensi in un passato abbastanza remoto. Gli studiosi erano impegnati nell’analisi delle tribù di montagna, percorrendo sentieri e percorsi poco battuti dalla popolazione della nazione asiatica.

Le immagini sono state scoperte nel distretto di Hoshangabad (Stato di Madhya Pradesh), a soli 70 chilometri dal centro comunale di Raisen. Le grotte sono nascoste nel profondo di una fitta e impervia giungla, evitata solitamente per la sua natura ostile e poco accogliente. Gli antropologi si sono avventurati in una serie di anfratti dimenticati dalle esplorazioni passate scoprendo delle pitture rupestri stupefacenti.

I disegni sono numerosi e abbastanza chiari. La figura principale è quella che sembra rappresentare un extraterrestre protetto da una moderna tuta spaziale. Un particolare in primo piano che risalta rispetto all’intero quadro roccioso dipinto. Nelle vicinanze trviamo un’altra rappresentazione che potrebbe descrivere il mezzo con il quale  l’alieno è atterrato sula terra. Una forma che ricorda un classico disco volante. Inoltre tale astronave sembra emettere qualcosa di luminoso verso il basso. Una sorta di raggio di qualche tipo, probabilmente un’arma di difesa o conquista.

Questa immagini possono portare gli appassionati UFO a pensare che i graffiti siano stati fatti con l’aiuto degli extraterrestri stessi, maestri oltre che conquistatori. L’archeologo e antropologo locale, il signor Wassim Khan, si è recato personalmente ad osservare le pitture confermando la stranezza del caso. Egli sostiene che: “gli oggetti e le creature viste sono di natura “anomala”, in un contesto generale già scoperto di altre pitture rupestri, che rappresentano la vita preistorica della zona”.

Un vero e proprio mistero che naturalmente deve essere preso con la giusta cautela. Molti sono stati i falsi di questo tipo che contaminano le ricerche e le analisi degli studiosi di tutto il mondo. Resta, d’altro canto, la particolarità della scoperta e delle sue possibili conseguenze.

Alessandro Frau