Dimensione testo notizia A A A
16 March 2012A cura di:admin

Lucio Dalla nei panni di Sancho Panza, per il “Quijote” di Mimmo Paladino

Lucio Dalla nei cinema italiani – Lucio Dalla nei panni di Sancho Panza, Peppe Servillo (fratello dell’acclamato Toni e leader degli Avion Travel) in quelli dell’inimitabile Don Chisciotte. Basta aggiungere le musiche, firmate dal compianto cantautore bolognese, e gli ingredienti sono serviti: Quijote, pellicola sperimentale del pittore Mimmo Paladino dedicata al personaggio creato da Miguel De Cervantes, torna nei cinema dal prossimo 23 marzo. A ben sei anni dalla sua presentazione, avvenuta nel 2006 alla Mostra del Cinema di Venezia, è il circuito Distribuzione Indipendente a riportarla nei cinema italiani. La pellicola è a disposizione anche su internet, on-demand, sul sito ownair.t. Ma che tipo di film ci troviamo di fronte, esattamente?

 

Quijote, un melange metafisico – Non molti hanno avuto il piacere di vedere Quijote finora. Chi vi scrive ha assistito a una proiezione diversi anni or sono, e vi assicura che la definizione classica di “film” è piuttosto impropria per il lavoro in questione. Paladino, da grande pittore qual è, crea un mosaico scomposto e metafisico (apparentemente) disordinato, fatto di scene surreali, staccate l’una dall’altra e prive di quell’elemeno legante che siamo abituati a definire come “narratività”. Il mèlange di interpreti è vario (oltre ai due protagonisti, tra gli altri anche Alessandro Bergonzoni, Edoardo Sanguineti, Enzo Cucchi e Roberto De Francesco) e fa da contraltare ad una mescolanza citazionistica di cui questa sorta di docu-fiction si nutre avidamente: dal monologo di Molly Bloom dell’Ulisse di Joyce, alla partita a scacchi con la morte del Settimo Sigillo bergmaniano, Quijote ricerca le tracce del personaggio – meglio, dell’archetipo che esso rappresenta – attraverso mille meandri della cultura occidentale, creando un ponte ideale tra passato e presente. Le lotte contro i mulini a vento dell’arroganza e dell’ignoranza, dopotutto, continuano anche oggi.

 

Roberto Del Bove