Dimensione testo notizia A A A
20 April 2012A cura di:admin

Marco Mengoni: al Teatro Arcimboldi è puro delirio (foto)

MarcoMengoniPierLuigiBalzarini©001 294x195 Marco Mengoni: al Teatro Arcimboldi è puro delirio (foto)Marco Mengoni, Teatro Arcimboldi Milano, Concerto, Foto. Prima data per il “Tour teatrale 2012” e partenza con il botto: sold out al Teatro Arcimboldi meneghino per il cantante di Ronciglione, lanciato da X-Factor e dal suo “maestro”  Morgan. Un live nato, creato e costruito a sei mani: artefici sono l’artista stesso, Elisa e Andrea Rigonat. Uno show costruito attorno alla musica e alle indubbie doti interpretative di Mengoni: spazio dunque, oltre che ai propri brani, a cover di grandissimi successi, resi originali, freschi dalla sua voce geniale.

Il concerto. E’ un Marco Mengoni in splendida forma quello che, poco dopo le 21, si presenta sul palco del Teatro Arcimboldi. Stretto in un abito elegantissimo, il cantante di Ronciglione propone quello che meglio sa fare: cantare. La scaletta è un continuo alternarsi di suoi brani e cover. Si confronta con brani del calibro di Innuendo, Pshyco Killer, Rehab e lo fa con una facilità disarmante. Il pubblico è davvero caldissimo, molti di loro sono giovanissimi ma non mancano nemmeno i trentenni e più. Mengoni tiene il palcoscenico con grande caparbietà, balla, scende tra il pubblico e cerca di proporre ogni volta nuove ed originali interpretazioni delle sue canzoni. Dove si vola, per esempio, perde un pizzico pop e diventa più soul.
E non c’è solo la sua voce. La band lo supporta perfettamente: i fiati si miscelano magistralmente al sound e paiono perfetti per la location teatrale scelta per questo tour.

Un vero trionfo per Marco Mengoni all’Arcimboldi di Milano. Il Tour teatrale appena avviato parte nel migliore dei modi e il suo pubblico trasforma il teatro in un piccolo stadio festante.

Pier Luigi Balzarini

Cliccando in basso a destra si accede ad un’esclusiva photogallery del concerto di Marco Mengoni presso il Teatro Arcimboldi di Milano

Fotografie di Pier Luigi Balzarini