La strage in Colorado: piano messo in atto dalle élite finanziarie occidentali

Colorado – Una preoccupante ralazione del Ministro della Finanza al Cremlino, intitolato “2012 Aurora Shooting”, afferma che il massacro della prima di Barman in Colorado sarebbe un piano deliberatamente messo in atto dai magnati della finanza e dalle élite bancarie occidentali.

Strage legata alla frode finanziaria – James Holmes, che poco più di una settimana fa è entrato in un cinema uccidendo 12 persone e ferendone altre 58, viene definito nella relazione come uno scienziato molto dotato e intelligente, perfettamente consapevole di quello che stava facendo. Ma la cosa più importante è che il padre del ragazzo, Robert Holmes, è stato chiamato a testimoniare davanti alla Commissione del Senato degli Stati Uniti sullo scandalo bancario che minaccia di distruggere la finanza mondiale. Parliamo dello scandalo LIBOR in cui le banche del Regno Unito manipolavano del tasso di prestito interbancario per falsificare i punteggi di credito delle banche, in collaborazione con altre banche occidentali. (Vedi : La più grande frode bancaria della storia: protagonisti la Barclays e altri colossi)

Il padre di Holmes – Robert Holmes, è uno scienziato senior di punta della società americana, conosciuto in tutto il mondo per aver creato uno degli algoritmi informatici più sofisticati e per aver creato modelli per i servizi finanziari al fine di evitare le frodi on-line. Inoltre Holmes avrebbe recentemente scoperto uno degli algoritmi informatici che avrebbe individuato l’intento di questa frode bancaria di massa, ma anche, i migliaia di dollari rubati dalle élite finanziarie. Son stati proprio gli algoritmi di Robert Holmes a scoprire questa massiccia frode.

I dubbi – “Perché Holmes ha avuto la premura di riempire il suo appartamento con una serie di esplosivi mortali e poi quando è stato arrestato ha raccontato alla polizia delle bombe? Se Holmes voleva uccidere più gente possibile, perché mettere in guardia i poliziotti prima del tempo? – afferma il documento –  “Considerato che Holmes era uno studente laureato in neuroscienze, come ha fatto ad ottenere le competenze necessarie per creare un labirinto di bombe così complesso che ci sono voluti due giorni all’FBI per disarmarli? Secondo gli esperti, la complessità delle bombe ricordava una zone di guerra – come potrebbe quindi Holmes aver creato tutto questo senza l’aiuto di un esperto di esplosivi?”. Come si spiega poi che molti testimoni hanno fatto riferimento alla presenza di complici, testimonianze che sono state ignorate deliberatamente dalla polizia?

Michela Santini

Notizie Correlate

Commenta