Ad 85 anni se ne va il grandissimo apneista Enzo Maiorca

Enzo Maiorca

Più volte record mondiale di immersione in apnea, orgoglio della sua Siracusa, se n’è andato quest’oggi ad 85 anni Enzo Maiorca, celeberrimo apneista italiano. Si tratta di un grandissimo lutto per il mondo dello sport italiano, che vede scomparire uno dei suoi più illustri campioni, capace di conquistare 23 primati, in assetto costante ed in assetto variabile (l’ultimo dei quali a 57 anni, in onore delle figlie – anch’esse apneiste da record).

Verrà ricordato per il proprio impegno sportivo (corredato dai succitati successi), ma anche per l’impegno politico: dal 1994 al 1996 è stato senatore nelle liste di Alleanza Nazionale.

Inoltre, per aggiungere qualche nota di colore al ricordo di un grandissimo, citiamo il tentativo di record mondiale del 22 settembre 1974, in diretta televisiva: il record non riuscì (a causa di un intoppo tecnico, per l’impatto con l’inviato Rai Enzo Bottesini) e Maiorca si lasciò andare ad una serie di imprecazioni che gli valsero una lunga interdizione televisiva (poi interrotta, tanto da collaborare con Lineablu all’inizio degli anni ’00). E, per finire, ricordiamo come fosse un vegetariano di lungo corso. Così narrò la ‘conversione’: “È avvenuto tutto all’improvviso. Mi ero immerso in una secca poco lontana dal capo che protendendosi verso il mare aperto chiude a sud la baia di Siracusa. Quella mattina mi accadde di arpionare una cernia. Una cernia robusta, combattiva. Si scatenò sul fondo una vera e propria lotta titanica fra la cernia che pretendeva di salvare la sua vita e me che pretendevo di togliergliela. La cernia era incastrata in una cavità fra due pareti; cercando di rendermi conto della sua posizione passai la mano destra lungo il suo ventre. Il suo cuore pulsava terrorizzato, impazzito dalla paura. E con quel pulsare di sangue ho capito che stavo uccidendo un essere vivente. Da allora il mio fucile subacqueo giace come un relitto, un reperto archeologico impolverato nella cantina di casa mia. Era il 1967”.

Notizie Correlate

Commenta