Qualità della vita, tra le province in cima c’è Aosta. Maglia nera a Vibo Valentia

Celebrazioni per la Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate in piazza Chanoux

Aosta scalza Bolzano dal gradino più alto del podio. Secondo l’indagine annuale del Sole 24 Ore, è la provincia valdostana quella con la miglior qualità della vita in Italia. Cambio anche all’ultimo posto della graduatoria, dove Vibo Valentia è la nuova maglia nera (l’anno scorso era Reggio Calabria, ndr).

Per Aosta è la terza volta in 27 anni di indagine: in precedenza, la provincia valdostana si era piazzata al primo posto nel 1993 e nel 2008.

Al secondo ed al terzo posto si confermano Milano e Trento; balzo in avanti per Belluno che dalla 17/a posizione del 2015 sale in quarta posizione. Roma si piazza in tredicesima posizione, tre posti più in alto rispetto al 2015.

L’indagine, giunta alla 27/a edizione, ogni anno mette a confronto la vivibilità nelle province italiane su un’ampia serie di indicatori (aggiornati al 2015 e al 2016) articolati in sei settori d’indagine: Affari, lavoro e innovazione; Reddito, risparmi e consumi; Ambiente, servizi e welfare; Demografia, famiglia, integrazione; Giustizia, sicurezza, reati; Cultura, tempo libero e partecipazione.

Ultimo posto, come detto, per la provincia di Vibo Valentia, che ottiene un poco edificante tris: era stata maglia nera anche nel 1997 e nel 2005. Al penultimo posto Reggio Calabria (ultima nell’edizione del 2015). Nella classifica delle ultime cinque province spicca Crotone, che perde ben 17 posizioni rispetto all’edizione dello scorso anno e si posiziona al 106esimo posto.

 

 

Notizie Correlate

Commenta