Cenone natalizio: tutti pronti a mangiare insetti?

1424772888_vermi

Mangiare insetti potrebbe essere la soluzione più plausibile per cercare di contenere le devastanti conseguenze dell’effetto serra. E’ questo quanto afferma una branca sempre più pressante della nuova alimentazione occidentale. Stando ai promotori di questo approccio alternativo, infatti, gli insetti potrebbero essere la naturale evoluzione della nostra abitudine/necessità di consumare carne animale.

E questo non soltanto in rapporto ad un effettivo impatto negativo che gli allevamenti bovini creerebbero sull’ambiente (si è calcolato infatti che l’industria del bestiame produca il 18% di tutti i gas serra creati dall’uomo), ma anche in relazione ad un apporto alimentare complessivo.

Per ciò che concerne il primo punto, dati condivisi sosterrebbero che per produrre un hamburger di 150 gr ci vogliano qualcosa come 3.290 litri di acqua. Meno di una pinta è quanto occorrerebbe per un “insetto-burger”. Ecco il primo punto. Ma non basta. L’allevamento del bestiame occupa oggi un terzo delle terre coltivate del pianeta. Va da se che gli insetti occuperebbero molto meno spazio e si riprodurrebbero con maggior velocità.

Il secondo punto, invece, quello che affronta nel nocciolo l’apporto alimentare delle due diete, si fonda sul presupposto empirico che gli insetti sono estremamente ricchi di calcio, zinco, omega 3 e presentano un bassissimo contenuto di colesterolo. Non a caso gli insetti, come ad esempio i grilli (capaci di contenere addirittura più proteine, a parità di peso, rispetto a quelle contenute nella carne di manzo), sono stati mangiati per millenni da varie popolazioni del pianeta.

20.000 le aziende agricole che in Thailandia preparano e vendono insetti ai loro clienti. 1.900 le specie documentate come sicura fonte di sostentamento. Insomma, un business potenziale pronto ad esplodere in tutto il mondo. Ma sarà poi capace, l’occidente, di assimilare un concetto alimentare così lontano dalla sua visione di cucina?

Giuseppe Caretta

Notizie Correlate

Commenta