Portogallo: un pasto vegano per legge nelle mense pubbliche del Paese

Rivoluzione vegan in Portogallo. Una nuova legge, di recente approvazione, prevede che le mense in tutte le scuole, università, carceri ed altri edifici pubblici debbano obbligatoriamente offrire cibo privo di prodotti di origine animale; insomma da questo mese tutte le mense pubblice del Paese sono obbligatoriamente tenuta a fornire un’opzione vegan e dovranno adeguarsi entro i prossimi sei mesi. La legge è la conseguenza di una petizione, diffusa dal Portuguese Vegetarian Society, nella quale si chiedeva l’introduzione obbligatoria dell’ozione vegana: la petizione ha ottenuto 15.000 firme ed è stata discussa in Parlamento all’inizio del 2016. Una simile petizione sul sito inglese Parliament.uk lanciata lo scorso ottobre ha raccolto ad oggi 16560 firme e dovrà raggiungere le 100.000 firme entro il prossimo 3 aprile per poter essere discussa in Parlamento.

“Riteniamo che si tratti di un importante passo avanti in Portogallo – ha dichiarato Nuno Alvim, portavoce dell’associazione Vegetariana Portuguesa – poichè è la prima volta che abbiamo una legge che cita espressiamente il vegetarismo. Promuoverà la diversità delle abitudini alimentari e incoraggerà più persone a scegliere l’opzione vegetariana perchè diventerà disponibile su più ampia scala. Questo avrà un significativo impatto sulla salute della popolazione ma anche sugli animali e nel lungo periodo sull’ambiente”. La legge è frutto dello sforzo congiunto dei partiti politici di sinistra ed è stata approvata a larga maggioranza lo scorso 3 marzo. Ha inoltre dato speranza agli attivisti in Gran Bretagna, speranzosi di poter avere presto una legge simile nel Paese.

Daniele Orlandi

Notizie Correlate

Commenta