Canada: equipe di geologi trova i resti della crosta originale della terra

In questi giorni un equipe di geologi formata da studiosi canadesi e studiosi americani ha scoperto nella parte nord est di Hudson Bay (Canada) quella che a tutti gli effetti può essere considerata la crosta terreste che originariamente ricopriva il nostro pianeta. Fino a questa scoperta le ricerche geologiche ci avevano consentito di datare la formazione della crosta terrestre sulla quale viviamo al giorno d’oggi, grazie al ritrovamento di un raro materiale fossile, il neodimio-142 (isotopo radiattivo che si forma ogni 500 milioni di anni), a 2,7 bilioni di anni fa.

La mancanza di reperti meno recenti lasciava un ampio lasso temporale senza una prova dell’esistenza di una crosta terrestre, questo perché, spiegano gli scienziati, il movimento della tettonica a placche porta la crosta terrestre a scontrarsi continuamente favorendo l’immersione della porzione più anziana all’interno del nucleo della terra. La scoperta dei ricercatori dell’Università di Ottawa in collaborazione con i geologi del Carnegie Institution di una formazione rocciosa databile 4,2 bilioni di anni consente di provare questa teoria.

Per comprendere meglio il processo che porta al rinnovamento costante della crosta terrestre basta leggere le dichiarazioni di Jonhatan O’ Neal, ricercatore per l’università di Ottawa: “La terra ‘Ricicla’ e miscela continuamente la sua crosta, cancellando le tracce dei suoi albori“. Richard Carlson, esperto del Carnegie Insitution preferisce soffermarsi sull’importanza della recente scoperta: “Trovare altre tracce di questa antica roccia sarà difficile, ma questo ci offre nuove possibilità di ricerca per datare con maggiore accuratezza le rocce”.

Notizie Correlate

Commenta