Chieti: bambino rifiutato da tre scuole a causa del suo autismo

Una donna di Lanciano (Chieti) ha lanciato un appello affinché la situazione del figlio autistico venga risolta senza ulteriori problemi. La donna si è rivolta al sindaco della sua città dopo che ben tre diversi istituti hanno rifiutato l’iscrizione del figlio di 10 anni al prossimo anno scolastico. La madre esasperata dalla situazione ha raccontato che il diniego dei tre istituti è stato basato sulla mancanza di spazio nelle strutture (sarebbero troppi gli iscritti), ma questa, forte del suo diritto sancito per legge, ha fatto presente ai vertici dei tre istituti che suo figlio, in quanto disabile, avrebbe la priorità sull’iscrizione senza comunque ottenere un segno di apertura da parte loro.

La donna, dopo aver cercato l’appoggio del sindaco si è rivolta alla stampa spiegando che la mancanza di spazio di cui si lamentavano i tre istituti non era per il numero di alunni in genere, ma per quello di disabili già accettati: “Mi sono rivolta così a due scuole molto più grandi che hanno diverse sezioni. Ma, appena spiegavo che era disabile autistico, mi veniva respinta l’iscrizione”. Secondo quanto riferito dai presidi di queste scuole, i numeri di bambini disabili accolti era già entro i limiti stabiliti dai decreti ministeriali e che, quindi, non potevano accettare suo figlio perché li avrebbero superati.

Notizie Correlate

Commenta