De Magistris vs Salvini: ecco come è andato il confronto in TV

Alla fine si sono incontrati, in tv, i due acerrimi nemici: De Magistris, sindaco di Napoli, accusato di aver sostenuto i centri sociali nella protesta contro Salvini in occasione della sua visita in città, ed il leader della Lega Nord. Lo scontro è avvenuto su “In 1/2 ora” su Rai Tre. “Sono un sindaco che non si piega, che preferisce la giustizia alla legalità formale. Non tradisco la Costituzione, sono contro i compromessi morali. Voglio stare tra la gente. Se questo è un sindaco ribelle, lo sono. Ma io mi sento sindaco istituzionale. Se poi chi difende la costituzione è un sovversivo, consideratemi tale” sono state le

arole di De Magistris. Salvini ha ribadito:

Non ho ancora capito chi pagherà i danni (provocati in città dai centri sociali, ndr) ai commercianti, alle mamme, ai papà. Secondo me dovrebbe pagarli il sindaco”. “Sono molto preoccupato per i tanti napoletani che hanno problemi veri. Invito tutti quelli che hanno sentito questo signore parlare a interrogarsi per capire se quest’uomo può governare il paese. Ringrazio Minniti. Le posizioni della Lega possono piacere o no, ma in democrazia tutti possono parlare. Grazie anche a Renzi, ma siamo in democrazia, non è normale che un ministro dell’Interno debba intervenire perché c’è un sindaco bizzarro che annulla il comizio tre volte in un giorno”. “Napoli fa parte dello Stato, non c’è una legge speciale che vieti a Salvini di andare a Napoli” ha concluso Salvini.

Notizie Correlate

Commenta