Annuncio della Nasa: “Su Encelado condizioni favorevoli allo sviluppo della vita”

La Nasa conferma: “Sul satellite di Saturno, Encelado, potrebbero trovarsi le condizioni favorevoli allo sviluppo di forme di vita”. La notizia era già stata resa nota dalla rivista Science, ma ieri l’agenzia spaziale americana ha voluto darne ulteriore credibilità sostenendola nel corso di una conferenza stampa indetta a tale scopo.

Un risultato arrivato dopo più di 10 anni di reperimento dati tramite la sonda Cassini. E’ stata infatti proprio quest’ultima, che il 15 settembre terminerà la sua missione immergendosi negli strati superiori dell’atmosfera di Saturno, a rilevare la presenza di idrogeno e di anidride carbonica all’interno dei geyser che vengono prodotti sulla superficie del Polo Sud di Encelado. Proprio tale presenza, avevano sostenuto gli scienziati, è indicativa di un “processo noto come metanogenesi”, cioè la produzione di metano da parte di eventuali microrganismi.

Sotto l’oceano ghiacciato del satellite di Saturno, dunque, potrebbero trovarsi delle sorgenti idrotermali capaci di aver favorito il processo primordiale dal quale si ritiene possa essere scaturita la vita anche sul nostro pianeta.

La conferma dell’esistenza di un oceano ghiacciato che ricopre l’intera superficie di Encelado, è opera di un team di ricercatori italiani dell’Università La Sapienza di Roma i quali, nel 2014, sotto la guida di Luciano Iess, sono riusciti a dimostrare ciò che prima era ritenuto soltanto una possibilità.

Notizie Correlate

Commenta