Filippine: ricercatori trovano esemplare vivente di un animale leggendario

Il suo nome scientifico è Kuphus polythalamia, ed è un mollusco sul quale aleggiano molte secolari leggende. Il bizzarro animale, che vive racchiuso in un guscio calcareo simile ad una zanna, è stato catturato da un team di ricercatori internazionali negli acquitrini delle Filippine, offrendo così agli scienziati la possibilità di studiarne la struttura e il comportamento.

Lungo fino ad un metro e mezzo, questo raro animale è stato spesso confuso con una specie di vermi dall’aspetto simile che prendono il nome di Serpula. Nel 1770, il naturalista francese Jean Etienne Guettard ne cambiò il nome in Kuphus, per distinguerlo appunto dall’esemplare di specie differente col quale era stato a lungo scambiato. Oggi, i ricercatori dell’Università di Utah, hanno portato a compimento la loro spedizione, che è “quanto di più vicino potrà mai esserci a ciò che videro i naturalisti del 19° secolo”, come ha affermato Margo Haygood, autore dello studio che sarà presto pubblicato sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences.

Prendendo spunto da un documentario andato in onda in televisione, nel quale si mostravano le creature in questione all’interno del loro habitat naturale nelle Filippine, i ricercatori hanno dato avvio al loro progetto: studiare in maniera scientifica questi affascinanti esseri viventi. Ed hanno scoperto che il Kuphus, ad esempio, è “radicalmente diverso dagli altri teredini mangia-legno”. Mentre questi scavano in profondità il legno degli alberi immersi nell’acqua per rintanarcisi dentro, il teredine gigante costruisce la sua casa con un fango maleodorante.

A seguire il video in questione

G.c.

Notizie Correlate

Commenta