Caso Cucchi, colpo di scena: la Cassazione annulla l’assoluzione dei medici

Svolta radicale nel caso Cucchi. La Corte di Cassazione ha annullato l’assoluzione di cinque medici, che erano indagati per l’omicidio colposo di Stefano Cucchi. La decisione ha così accolto il ricorso della Procura di Roma, effettuato proprio contro l’assoluzione dei medici. La Procura aveva fatto ricorso sostenendo che “il verdetto dell’appello bis presenta molteplici aspetti critici e i giudici hanno sovrapposto il loro punto di vista a quello dei periti senza avere gli stessi requisiti scientifici”.

Secondo il pg, comunque, l’esito giudiziario è stato abbastanza confusionario, perché nell’ultima sentenza si sostiene l’impossibilità di decidere se l’intervento dei medici avrebbe potuto evitare, o ritardare, la morte di Cucchi. Ma secondo il Pg Mura la Corte di appello di Roma in detta sentenza avrebbe sovrapposto il suo personale giudizio alla perizia che invece aveva affermato che “Stefano Cucchi poteva essere salvato, o il suo decesso ritardato, se le terapie adeguate fossero iniziate il 19 ottobre se solo fossero stati letti congiuntamente tutti i dati delle analisi arrivate nel pomeriggio”.

Inoltre sempre secondo il Pg la Corte avrebbe potuto fugare i suoi dubbi, prima di una sentenza così generica, semplicemente disponendo una nuova perizia che però non è stata fatta. Il Pg ha concluso dicendo: “se i cinque medici dell’ospedale Pertini rinviati a giudizio per l’omicidio colposo di Stefano Cucchi si sentono non responsabili rinuncino alla prescrizione e vadano a nuovo processo”.

Notizie Correlate

Commenta