Lecce, quarantenne muore per strada colpito da un fulmine

Colpito da un fulmine mentre cercava di aprire il cancello della sua casa di campagna nel leccese, Giuseppe Nicolardi, 40 anni nativo di Poggiardo, è morto questa mattina a Diso di fronte agli increduli amici che hanno assistito alla tragedia.

Stando alla testimonianza degli amici di Nicolardi, l’uomo era da poco sceso dalla sua auto per aprire il cancello della sua casa di campagna a Diso. Fuori pioveva a dirotto, un violento temporale si era abbattuto sul leccese qualche istante prima, e l’uomo cercava di sbrigarsi per non rimanere completamente zuppo, ma quando ha posto le mani per rimuovere il lucchetto dal cancello, una violenta scarica elettrica lo ha colpito non lasciandogli scampo.

Terrorizzati, gli amici di Nicolardi hanno subito chiamato i soccorsi nella vana speranza che potesse essere salvato, ma all’arrivo dell’ambulanza l’uomo era semi carbonizzato e non dava segni di vita, quindi gli operatori sono stati costretti a dichiararne il decesso. La polizia, dopo aver avvisato la famiglia (l’uomo aveva una moglie e stava per diventare padre), ha aperto un fascicolo sull’accaduto e mandato i risultati delle indagini alla Procura di Lecce a cui spetta il compito di stabilire se effettuare un’autopsia sul cadavere o chiudere l’indagine. Solo dopo la decisione della Procura sarà possibile ai familiari riabbracciare la salma del loro defunto parente ed organizzare i funerali.

Notizie Correlate

Commenta