Germania, costruito un partenone ateniese con 100mila “libri proibiti”

Un partenone edificato con migliaia di volumi raccolti con un appello pubblico ed issato proprio lì dove, il 19 maggio 1933, Hitler diede sfogo ad uno dei roghi di libri proibiti più tristi della Germania nazista, la città tedesca di Kassel

E’ questa la provocante e suggestiva opera dell’artista argentina Marta Minujín, 74 anni, la quale ha voluto lanciare un monito ed una sfida alla società contemporanea: “Sarà uno scandalo, una monumentale opera di collaborazione di massa”, aveva detto al momento del lancio dell’iniziativa. In realtà, il progetto prende le mosse da un’idea simile attuata già in Argentina nel 1983 per celebrare il ritorno della democrazia dopo la lunga dittatura militare.

Lungo 70 metri, largo 31 ed alto ben 10 metri, questo monumento alla cultura ed alla civiltà è stato realizzato con libri “proibiti”, cioè che sono stati o sono tutt’ora censurati, inviati direttamente dai cittadini. Ogni volume è stato poi chiuso ermeticamente in un sacchetto di plastica per evitare di essere rovinato dalla pioggia, ed unito agli altri attorno all’imponente struttura di metallo che compone questo meraviglioso palazzo assolutamente suggestivo. Il progetto è ancora aperto, essendo volto al completamento dell’intero partenone grazie alle continue donazioni che continuano ad arrivare all’artista da tutto il mondo. Ogni nuovo volume sarà quindi unito agli altri. L’opera, che fa parte dell’evento artistico denominato Documenta 14, resterà esposta sino al 17 settembre.

Notizie Correlate

Commenta