“Tuo figlio è autistico, non può giocare sui gonfiabili”: la denuncia di un padre 

Una storia triste di discriminazione a L’Aquila, dove un bambino autistico si è visto rifiutare l’ingresso ai gonfiabili a causa della sua condizione. Il padre del piccolo ha denunciato il fatto su Facebook; secondo quando raccontato, qualche giorno fa l’uomo si è recato assieme al bambino in un centro commerciale a L’Aquila, portando con sé anche il nipote. Quindi ha lasciato i bimbi nell’area giochi perché non si annoiassero: ma mentre il cugino del figlio è stato fatto entrare, il bambino autistico è stato lasciato fuori. 

Il padre è rimasto molto colpito in maniera negativa da quanto avvenuto. I proprietari avrebbero cercato di giustificarsi dicendo che il bambino era ‘troppo esuberante’ rispetto agli altri e avrebbe potuto causare pericoli per sé stessi e per gli altri. Ma secondo il genitore, il bambino non ha mai creato problemi a nessuno, neppure a scuola. “Va a scuola, gli insegnanti lo portano su un palmo di mano, è ben voluto da tutti e va dappertutto senza problemi. La madre che lo accompagnava, poi, sarebbe rimasta lì a vederlo giocare. Bisogna sapere e conoscere di più sull’autismo: basta ignoranza, che ciò non accada più”.

Ai giornalisti l’uomo ha spiegato che “Non voglio che episodi del genere accadano più ma servono più sensibilizzazione e informazione sul tema. Mio figlio non è un malato contagioso e non era mai stato vittima di discriminazione fino a oggi”.

Roversi MG.

Notizie Correlate

Commenta