Torino, le ceneri dei defunti disperse nel Po: presto si potrà

Fiume Po

Dall’India al Piemonte, dal Gange al Po: ben presto anche nella a Torino sarà possibile spargere le ceneri dei propri cari defunti. E’ quanto previsto dal progetto dei tecnici del Comune di Torino, che avrebbero individuato come aree preposte all’antico rito dal sapore orientale una sulle sponde dell’antico Eridano e l’altra su quelle della Dora. “Questione di qualche settimana e tutto sarà pronto”, parola del vicesindaco Tom Dealessandri: la possibilità di disperdere le ceneri nelle acque del Po è fa parte del regolamento comunale approvato qualche mese fa dall’amministrazione comunale, a breve si passerà all’atto pratico. Ed è già polemica con il Vaticano, che osteggia da sempre la dispersione delle ceneri: “La dispersione delle ceneri priva ciascuno della possibilità di avere un luogo in cui pregare per i propri defunti. C’è il rischio che con la perdita di quel luogo si perda anche la memoria, il culto dei propri cari. E si scivoli verso una dimensione individuale della preghiera e della fede”, queste le parole del cardinale di Torino Severino Poletto in merito alla vicenda