Si completa la ratifica del Trattato di Lisbona

Pochi giorni dopo l’Irlanda, anche la Repubblica Ceca ha detto si all’importante Trattato di Riforma

Il lungo percorso di ratifica del Trattato di Lisbona

Il presidente ceco Vaclav Klaus

 si è finalmente concluso. Gli accordi sul testo si erano chiusi nell’ottobre del 2007, dopo controverse trattative su questioni sollevate in particolare da Polonia, Regno Unito e Francia, e il testo fu firmato dai Capi di Stato e di Governo a Lisbona il 13 dicembre 2007. L’iter di ratifica si avviò immediatamente e nel 2008 quasi tutti gli stati avevano aderito, poi l’opposizione di alcuni paesi aveva rallentato la procedura. Dopo il si dell’Irlanda dello scorso 27 ottobre, mancava all’appello solo la Repubblica Ceca. Il presidente Vaclav Klaus era riluttante per paura di una perdita di sovranità del proprio paese, ma proprio oggi è arrivata la sua firma.

Il Trattato di Lisbona, nato per ottimizzare l’operato dell’Unione Europea, porterà ad una Riforma delle istituzioni e alla nomina di nuovi leader per le cariche più alte dell’Unione. I nomi dei candidati favoriti già sono in circolo e tra essi compare quello del premier belga Hermann Van Rompuy, per la presidenza, e di Massimo D’Alema come Alto Rappresentante della Politica estera, nonché vice presidente, che se la dovrà vedere con il ministro degli esteri inglese David Miliband.

Domenica Nolè