Vendetta su commissione

 Adrienne e Michelle di lavoro fanno le vendicatrici.

 Adrienne faceva la receptionist ma un anno fa ha perso il lavoro. Così ha pensato di proporre alla sua amica Michelle, che lavora ancora in un ufficio immobiliare, una società di “servizi”.

 Queste giovani donne rispettivamente di 38 e 40 anni hanno messo a frutto le loro doti creative e di fantasia creando un vero stravagante business.

 La società fondata a Los Angeles si chiama Alibis&Paybacks ed aiuta i propri clienti a mettere in atto delle piccole vendette in favore di amanti traditi e amici delusi ma non solo.

Tutto ciò in maniera molto semplice: riportare le malefatte dell’infame di turno in una serie di poster che poi spargono per le strade ed i quartieri dove egli vive e si reca solitamente è solo una delle possibilità.

Non dovesse essere abbastanza, per qualche dollaro in più, c’è un servizio di volantinaggio ed una linea delle bugie. Quest’ultima si può anche usare per evitare di andare ad un evento. In questo caso Adrienne e Michelle faranno da segretarie, inventeranno scuse valide e forniranno addirittura prove fasulle della nostra impossibilità ad essere presenti.

 I prezzi sono modici, vanno da qualche decina di dollari ai 250 euro del servizio più costoso (la Lies Hotline).

Dall’inizio del 2009 hanno già pianificato e messo in atto ben 20 vendette.

 Ancora non hanno avuto problemi legali, anche se qualcuno già si è rivolto alla polizia. Ad oggi solo una mail con minacce che però Adrienne ha ignorato: “E’ per questo che esiste il tasto Canc sulla tastiera del computer”.

 Martina Attanasio