Home Tempi Postmoderni Scienze

Digitale terrestre e anziani, l’altra faccia della medaglia

CONDIVIDI

dvb-decoderVi siete mai chiesti quali problemi possa aver creato il digitale terrestre? Probabilmente no, perchè essendo ormai nel 2009 siamo più o meno tutti svezzati in campo tecnologico…eppure (ed aggiungerei ovviamente) c’è una fascia di persone che il digitale terrstre non lo ha proprio digerito, sono gli anziani. Molti di loro hanno detto addio all’utilizzo della televisione perchè ne è diventata troppo complicata anche l’accensione, così in Trentino è sorta una nuova categoria per soccorrere questa fascia meno tutelata, sono “Gli Angeli del decoder”ragazzi che – pagati dalla provincia autonoma di Trento – dalla primavera scorsa di lavoro fanno proprio questo: installano decoder a domicilio, gratis, agli anziani con più di 75 anni.

Ecco l’altra faccia della rivoluzione digitale, proprio quella che dopo Sardegna e Valle d’Aosta sta andando in onda in Piemonte e Trentino Alto Adige (il Lazio partirà il 16 novembre) con una coda di problemi, ricorsi, dubbi, proteste e minacce di non pagare più il canone Rai. Quando per i tecnici dei ripetitori è tutto a posto, comincia il lavoro tra le mura domestiche. Gli anziani sono i più deboli, come risulta da una ricerca della facoltà di Sociologia dell’Università di Trento, basata proprio sul lavoro degli “angeli del decoder”.

Un’idea, questa del digitale, che forse andava pensata meglio, non si è contemplata l’ipotesi che un’intera categoria di persone potesse andare nel pallone con l’avvento di questa novità.

Simone Meloni

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram