Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Furia cieca in Usa: nuova sparatoria ad Orlando

Furia cieca in Usa: nuova sparatoria ad Orlando

E’ passato appena un giorno dalla strage nella base di Fort Hood dove Nidal Malik Hasan, medico militare di origine giordana ha sparato indiscriminatamente uccidendo 13 persone e ferendone 30, che gli Stati Uniti vengono sconvolti da un altro episodio di inspiegabile follia.

Jason Rodriguez, 40 anni, ispanico, ex impiegato di un ufficio di ingegneria, localizzato in un grattacielo di Orlando, Florida, si è recato nel suo vecchio posto di lavoro intorno alle 11.45 di ieri mattina. Appena raggiunto il 12° piano, varcato l’ingresso, ha sfoderato una pistola e ha iniziato ad aprire il fuoco, colpendo alcuni impiegati lì presenti. Bilancio: un morto e 5 feriti.

Poi, uscito di corsa, è entrato in una macchina grigia ed è scappato via.

Identificato il ricercato, la polizia ha raggiunto l’abitazione dello stesso, dove ha trovato la vettura, un SUV Hyundai, ed ha iniziato la perquisizione. Nel frattempo Rodriguez, che era in casa, è uscito con le mani in alto, consegnandosi alle autorità.

L’uomo era stato licenziato dall’azienda due anni prima, in quanto le sue prestazioni non erano considerate all’altezza; l’ipotesi più plausibile è, quindi, che la sparatoria sia stata dettata da un attacco d’ira nei confronti degli ex datori di lavoro.

Domenica Nolèsparatoria