Serie A, Anticipi 12esima giornata: Atalanta-Juventus 2-5

CALCIO: SERIE A; ATALANTA-JUVENTUS

La Juventus si presenta a Bergamo, in vista del posticipo della 12esima giornata di Serie A, con un solo obiettivo, vincere per cancellare l’opaca prova di una settimana fa contro il Napoli, dall’altra parte c’è l’Atalante dell’ex Conte, squadra che nelle ultime uscite sta facendo molto bene dimostrando di avere carattere misto a buoni spunti offerti dai singoli. Queste le formazioni:

ATALANTA (4-4-2) – Consigli; Garics, Talamonti, Peluso, Bellini; Ceravolo, Padoin, Guarente, Valdes; Tiribocchi, Doni.

JUVENTUS (4-2-3-1) – Buffon; Caceres, Cannavaro, Chiellini, Grosso; Melo, Poulsen, Camoranesi, Dieg

L’Atalanta parte  forte ed al 15′ va vicina al vantaggio, Valdes lancia Tiribocchi in profondità l’attaccante romano  riceve palla e, solo davanti a Buffon, spedisce fuori di un soffio. La Juventus sembra un pò abulica ed al 25′ sono ancora gli Orobici a rendersi pericolosi Guarente lancia Ceravolo, qualche incertezza di troppo da parte di Grosso che costringe Buffon ad un intervento con i piedi. Tuttavia con il passare dei minuti comincia a salire la squadra di Ferrara, ed al 28′ trova la rete con Trezeguet, ma il direttore di gara annulla per una presunta posizione di fuorigioco, tuttavia è il preludio al gol che arriva al 32′, bella azione di Grosso sulla fascia di destra e cross per l’accorrente Camoranesi che come in Israele  4 giorni fa non sbaglia, bianconeri in vantaggio.

La compagine torinese è scatenata ora e solo 3′ più tardi perviene al raddoppio, sempre con Camoranesi bravo a fulminare Consigli con un preciso destro dal limite dell’area, molto cinici i torinesi che con questo micidiale 1-2  terminano la prima frazione di gioco con un rassicurante vantaggio.

L’Atalanta non ci sta e non vuole fare brutta figura davanti al proprio pubblico, così rientra in campo molto motivata ed al 50′ dimezza lo svantaggio, Guarente si muove molto bene e serve Valdes, l’ex Barese si posiziona e poi fa partire un sinistro che muore alle spalle di Buffon, partita riaperta? Neanche per niente, al 54′ viene annullata un’altra rete alla Juventus, questa volta protagonista Poulsen ed un minuto più tardi Felipe Melo con un destro di rara bellezza per precisione e potenza ristabilisce le distanze, 1-3!

I Bergamaschi tentano in ogni modo di arrivare al gol , con i loro due uomini più ispirati, Doni e Valdes ed al 71′ portano a 2 il conto dei gol segnati, questa volta è Ceravolo a poter esultare dopo uno stupendo sinistro tagliato che termina in gol, eppure è una marcatura utile solo agli almanacchi, dato che non passa neanche un quarto d’ora che la Juventus cala il poker, è l’85’ e Camoranesi, questa sera in forma strepitosa, guadagna il fondo del campo lasciando partire un gran cross per Diego, per il brasiliano è un gioco da ragazzi stoppare la palla e beffare l’estremo difensore nerazzurro con un tocco morbido. Infine un minuto più tardi c’è gloria anche per David Trezeguet, che grazie ad una girata di sinistro porta il risultato sul 5-2 siglando la sua 167esima rete con la maglia bianconera e raggiungendo di fatto uno che di gol ne sapeva qualcosa, Omar Sivori!

L’incontro termina quindi con la shiacciante vittoria della Juventus, per ora a meno 4 dalla capolista Inter impegnata domani nel posticipo contro la Roma. Per l’Atalanta forse un passivo troppo pesante che non rende giustizia all’impegno profuso dall’undici di Conte, tuttavia clamoroso sono state alcune amnesie difensive degli Oroboci, sulle quali sicuramente l’allenatore ex Bari dovrà lavorare sodo in settimana.

Simone Meloni

Notizie Correlate

Commenta