Home Cultura Partenone, la più grande sala giochi d’Europa

Partenone, la più grande sala giochi d’Europa

Archeologi greci rivelano che sarebbe stata ludica la funzione del grande tempio in cima all’acropoli

Partenone

ATENE – Se vogliamo, è il simbolo più importante di tutta la Grecia, è il Partenone. Tempio dedicato alla Dea Atena che sovrasta l’acropoli in cima alla capitale greca. Recenti studi hanno scoperto che parallelamente alle sue funzioni sacre, esso era un luogo di divertimento in cui i cittadini amavano passare molte ore del giorno con varie attività ludiche.

“Abbiamo trovato scolpiti sui pavimenti e sulle scale del tempio numerosi giochi di strategia e di abilità simili alla dama e agli scacchi. Dovrebbero essere una cinquantina, ma in realtà sono molti di più.” Queste le parole dell’archeologa Elena Karakitsou. La studiosa spiega anche che i giochi risalgono storicamente all’età micenea anche se non è facile datare precisamente l’inizio di queste pratiche. Un famoso storico dell’antichità, Plutarco, ha aiutato con i suoi scritti il processo di decodifica storica.

Uno dei tanti giochi scolpiti sul pavimento è il Diagrammismos. 16 pezzi per ciascuno dei due contendenti disposti su 2 file a mo di scacchi. Probabilmente è questa l’attività che stanno svolgendo Achille e Aiace, dipinti in un antichissimo vaso, mentre Atena li scruta dall’alto. Altro gioco è il Triliza dove i giocatori dovevano riuscire ad unire 3 angoli di cerchi concentrici usando delle biglie. Si pensa che un gioco simile sia stato rinvenuto nella chiesa di S.Paolo fuori le mura a Roma.

Le aree destinate a questi giochi sono state rintracciate nella parte del tempio meno esposta alle intemperie, quasi come una vera e propria ludoteca. Queste sono le ennesime, ma non sicuramente ultime, scoperte in merito ad una delle civiltà più importanti e straordinarie della storia.

Giuseppe Greco