La Fao indice lo sciopero della fame. Digiuneranno domani le massime autorità internazionali

Il presidente della Fao Jaques Diouf

Il presidente della Fao Jaques Diouf

Al via domani, lunedì, con la nuova settimana, il vertice Fao. Presenti le massime autorità mondiali dei paesi “non ancora allineati”, secondo la terminologia Fao, e di quelli già massimamente industrializzati. Si discuterà di economia, di risorse. In breve, si cerca di portare avanti progetti concreti per la fame nel mondo, che imperversa ancora nonostante la continua crescita dell’economia globale, colpita anch’essa, peraltro, da un periodo un po’ buio.

Arrivano da ogni parte anche le singole adesioni personali all’idea Fao di indire uno “sciopero della fame contro la fame”, da parte di chi questo problema non lo ha, in solidarietà con coloro che non hanno cibo a sufficienza.

Lo stesso direttore generale della Fao, Jacques Diouf, digiunerà per ventiquattro ore. Così farà pure il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ed il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-Moon.

Sandra Korshenrich

Notizie Correlate

Commenta