Il comandante dei RIS Luciano Garofano si congeda

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:12

garofanoIl colonnello Luciano Garofano ha sabato rassegnato le dimissioni da Comandante del RIS di Parma.

Cinquantaseienne, biologo e professore universitario, doveva la sua notorietà alla soluzione di casi come quello di Novi Ligure, ovvero dei due fidanzatini Erika e Omar che  avevano ucciso la madre e il fratellino di lei, a cui fecero seguito le indagini sul delitto di Novi Ligure, quindi Cogne, quando riuscì a dimostrare in maniera schiacciante la colpevolezza di Anna Maria Franzoni attraverso l’esame BPA, ovvero l’analisi delle macchie di sangue sulle pareti e il pigiama dell’accusata. Passando per l’assassino di Tommaso Onofri e la strage di Erba, fino all’attualissimo delitto di Garlasco, è lunga la lista dei casi in cui Garofano ha messo a disposizione le sue conoscenze scientifiche per l’analisi di prove e risoluzione di enigmi.

La notorietà raggiunta ha, come spesso accade, tirato con sé anche  invidie e antipatie e conseguenti indagini a suo carico. Il principale “avversario” prende forma nell’avvocato Carlo Taormina che attraverso un esposto presentato alla procura militare di Roma, imputava allo stesso Garofano un uso improprio del materiale e personale dell’Arma durante l’orario di ufficio e per consulenze da privato.

L’indagine, avviata dalla procura di Parma, aveva portato nel mese di ottobre ad una prima perquisizione, nella quale non era stato individuato alcun reato; poi lo scorso 11 novembre, la Guardia di Finanza  si era introdotta negli uffici del RIS di Parma e aveva sequestrato i documenti relativi alle consulenze svolte dal colonnello dal 2002 al 2009. Le accuse sono di falso ideologico, peculato e abuso d’ufficio.

Dopo 14 anni trascorsi a capo del Reparto di investigazioni scientifiche, Luciano Garofano  si mette a lavorare in proprio e metterà a disposizione le sue conoscenze per la risoluzione dei delitti che si consumano sulla nostra penisola in maniera privatistica.

Domenica Nolè

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!