Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Aeroporto Leonardo da Vinci nel caos, ma nessuno ne parla

Aeroporto Leonardo da Vinci nel caos, ma nessuno ne parla

alitalia

Eas che diventa Cai, Alitalia Cargo che viene spostata e sostituita da Alha, voli AZ cancellati per giornate intere e personale ridotto in tutto l’aeroporto di Fiumicino. Nessun quotidiano nazionale ha parlato di questo stato di agitazione reiterato, e non ci si spiega il motivo. Finché si è trattato delle cordate ci si è preoccupati delle sorti lavorative degli operai,  delle hostess legate in piazza o dei comandanti in cassa integrazione. Ora non si legge o ascolta nessuna parola in merito. E invece da parlare, riguardo alla situazione tragica in cui versa la nostra compagnia di bandiera, ce ne sarebbe… Eccome! Nella giornata del 16 novembre i passeggeri che dovevano partire con i voli nazionali, e non, hanno scoperto come i disagi siano forti e ancora vivi nell’aeroporto romano. Gli operai dell’Eas, ora diventati Cai, hanno scioperato, ritirandosi in assemblea, per tutto il giorno. Solo quattro agenti rampe erano presenti in tutto l’aeroporto e nessuno ai check in. Risultato: voli cancellati e ipotesi di embargo per lo scalo di Fiumicino. Perché? Perché gli operai sono Cai, ma non ne hanno idea. Nessuno si è preoccupato di presentare i nuovi contratti agli impiegati, preservandosi il diritto, però, di ridurre gli stipendi per politiche aziendali.

Non è giunto, forse, il momento di ricominciare a parlare della nostra compagnia aerea di bandiera? Gli unici, in tutta Europa, a non preoccuparsi seriamente di una risorsa che potrebbe davvero risollevare le sorti del paese siamo noi italiani. Ma non eravamo patriottici? E tutte le polemiche sono cadute con il passare del tempo, parlando del Grande Fratello, di X Factor o delle cene a casa del Premier?

Ci sono operai che rivendicano il diritto di lavoro onesto, gente a pochi anni dalla pensione che si vede mettere in cassa integrazione per far spazio a giovani che costano poco all’azienda grazie a contratti da fantascienza. E’ ora di denunciare la realtà per come è.

D’Ascani Federica