Processo Meredith, Guede chiede le porte aperte

guedeknox10a

Rudy Guede potrebbe essersi dato alla fuga, dopo l’omocidio di Meredith, perchè si trovava in uno stato di confusione mentale. Essendo comunque innocente.

Questo è quello che sosterrà la difesa del giovane ivoriano, condannato a 30 anni di carcere per l’omicidio della Kercher, durante il processo d’appello che inizia oggi.

Rudy ha richiesto , con una lettera la presidente della corte, che le udienze si tengano a porte aperte in modo da far sapere a tutti quelli che lo vogliono ciò che succede, si dice e accade durante.

Guede chiede perdono alla famiglia di Meredith per non aver chiamato il 118 dopo che Amanda e Raffaele avrebbero ucciso a coltellate la ragazza inglese ma sostiene con forza la sua innocenza affermando che si trovava in casa di Meredith ma in bagno e solo mentre veniva assassinata.

Ha inoltre dichiarato che durante il processo farà delle dichiarazioni spontanee in merito.

Il 28 ottobre dell’anno scorso il gup Paolo Micheli gli ha inflitto 30 anni di reclusione con il rito abbreviato (che prevede uno sconto di un terzo della pena). Attualmente Guede è rinchiuso nel carcere di Viterbo.

 

Attendiamo.

 

Martina Attanasio

Notizie Correlate

Commenta