5 mesi di paternità

17453058_1

In una coppia che aspetta un bambino oggi si può decidere chi mandare in ma/paternità.

Lo ha stabilito il tribunale di Firenze che ha riconosciuto il diritto di congedo per paternità ad un lavoratore che così può assentarsi dal lavoro due mesi prima e tre mesi dopo la nascita del neonato.

È la stessa possibilità data alle donne, per gli uomini.

L’INPS riconosce al futuro padre l’80% dello stipendio ma solo se la madre non ha fatto la medesima richiesta.

Scaturisce questa decisione dal presidente della sezione lavoro del tribunale di Firenze, Gianpaolo Muntoni in seguito ad una causa fatta da un lavoratore dipendente contro l’INPS che non voleva corrispondergli l’indennità per i due mesi precedenti il parto.

 

Ha vinto e l’innovazione è in corso. Inarrestabile.

 

Martina Attanasio

Notizie Correlate

Commenta