FIFA: nessun replay per Francia-Irlanda

_40776016_henry

Per fare giustizia non sono servite le pressioni di un paese intero, e neanche l’indignazione generale scatenata dal plateale fallo di mano di Thierry Henry contro l’Irlanda, irregolarità che ha permesso alla Nazionale francese di pareggiare i conti nel match contro i verdi del ct Trapattoni e di qualificarsi per i Mondiali di Sudafrica 2010.

La FIFA ha infatti respinto ufficialmente la richiesta irlandese di rigiocare la partita dello Stade de France. Sul proprio sito ufficiale, la Federazione internazionale presieduta da Sepp Blatter motiva la propria decisione: “Il risultato dell’incontro non può essere cambiato. Come le regole del calcio dicono chiaramente, durante il gioco le decisioni sono prese dall’arbitro e queste decisioni sono definitive”.

Nel momento in cui al direttore di gara – lo svedese Martin Hansson – e ai suoi assistenti è sfuggita la segnalazione del tocco con la mano, soltanto l’intervento dello stesso Henry e una sua onesta ammissione di “colpevolezza” avrebbe consentito l’annullamento del gol. Tutto ineccepibile, se si resta negli angusti confini del regolamento sportivo. Ma l’impressione è che ogni parte in causa abbia perso una grande occasione, per restituire al movimento calcistico una immagine limpida e sportiva – nel senso più letterale del termine – che troppo spesso viene meno.

Daniele Ciprari

Notizie Correlate

Commenta