Galles: uccide la moglie nel sonno e viene assolto

sentenza

Chi ha intenzione di disfarsi della propria moglie e passarla liscia ora ha trovato il modo.

Durante il sonno Brian Thomas, 59 anni, ha ucciso la moglie Christine.

In preda ad un raptus di sonnambulismo.

La malattia di cui è vittima Thomas si chiama automatismo e porta la persona affetta a perdere il controllo delle proprie azioni. Aveva anche una grave forma di sonnambulismo e assumeva antidepressivi per tenere a bada l’automatismo ma le pillole gli provocavano impotenza ed aveva momentaneamente sospeso la cura.

Questo è costato la vita a quella che era la sua compagna da ben 40 anni.

Quando Brian ha aggredito Christine stava sognando di difendersi da due ladri entrati nel camper in cui stavano dormendo.

Questo è quello che hanno ricostruito i giudici che lo hanno poi considerato un marito devoto, un malato.

Una vittima.

Quindi la corte del tribunale di Swansea lo ha assolto ritenendolo non imputabile.

 

Martina Attanasio

Notizie Correlate

Commenta