Home Sport Michael Schumacher torna a guidare una Formula 1?

Michael Schumacher torna a guidare una Formula 1?

Michael Shumacher passa alla Mercedes?
Michael Shumacher passa alla Mercedes?

La notizia ha del clamoroso: Micheal Shumacher sarebbe pronto a tornare a guidare una Formula 1 nella prossima stagione. E non per la Ferrari, che ha per altro già ufficializzato i piloti del prossimo anno (Massa e la new entry Alonso), ma per la Mercedes, ed è questo il fatto che sorprende di più.

Secondo la Bbc, infatti, la casa automobilistica tedesca, che ha da pochi giorni rilevato il pacchetto di maggioranza della Brawn Gp campione del mondo, sarebbe in contatto con il fuoriclasse di Kerpen.

La portavoce dell’ex numero uno del mondo, Sabine Kehm, appare però scettica: “Nella vita mai dire mai – ha detto rispondendo alle domande della Bbc –, ma è molto difficile che accada“.

Molto più possibilista Eddie Jordan, ex patron dell’omonima scuderia, secondo il quale “esiste una reale possibilità che la cosa vada in porto, e io credo che accadrà“.

Ma la scuderia tedesca non avrebbe intenzione di fermarsi qui: il progetto per la stagione 2010 prevederebbe infatti anche l’ingaggio di Sebastian Vettel, che la Mercedes vorrebbe strappare alla RedBull. Vettel, forse la più grande promessa del circus, avrebbe così come compagno di squadra il suo grande maestro Shumi, che lo aiuterebbe nella sua ascesa verso i vertici della Formula 1.

Tutto è cominciato con una riunione tra Michael, Ross Brawn e l’amministratore delegato della Mercedes, Daimler Dieter Zietsche, in occasione del Gp di Abu Dhabi – dice Jordan –. Per il momento, però, Schumacher non può guidare per la Mercedes perché ha ancora un contratto di consulenza con la Ferrari. Ma non credo che, se Schumi glielo chiedesse, il presidente di Maranello Luca di Montezemolo gli rifiuterebbe l’assenso a tornare in pista, anche perché sarebbe interesse di tutto l’ambiente della Formula 1. Sono comunque sicuro che a Michael l’idea di guidare una Mercedes sotto la guida di Ross Brawn intrighi molto”.

Pier Francesco Caracciolo