Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica Il pompiere Bonaiuti tenta di spegnere l’incendio tra i ministri

Il pompiere Bonaiuti tenta di spegnere l’incendio tra i ministri

“La linea di politica economica fondata sul criterio della disciplina di bilancio e seguita dal ministro dell’Economia Giulio Tremonti è ispirata dal presidente del Consiglio e condivisa dall’intero governo”. Con queste parole Paolo Bonaiuti, portavoce del premier Silvio  Berlusconi, tenta di gettar acqua sull’incendio verbale appiccato dal ministro Brunetta contro il collega di Via XX Settembre. Dopo le dichiarazioni piccate del responsabile della Funzione pubblica, si tenta di ristabilire l’apparente calma all’interno dell’Esecutivo. Il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi dà il suo contributo: “Chi se ne frega delle liti personali Tremonti-Brunetta: il governo è compatto e la politica è una sola: è quello che conta, non le questioni personali”.

Per Pierferdinando Casini, leader dell’Udc: “La realtà è che c’è un litigio permanente perché c’è impossibilità di trovare le intese”, mentre Antonio Di Pietro liquida la faccenda definendo le dichiarazioni di Brunetta “un messaggio della canna del gas”. Tranchant anche l’opinione del ministro della Cultura, Sandro Bondi: “Quello che sta accadendo – dice –  mette in luce due concezioni della politica: da un lato, quella rappresentata dal presidente del Consiglio, che prosegue un quotidiano e faticoso impegno e dall’altro quella che emerge dal solito rodeo delle dichiarazioni; una sorta di solipsismo politico – conclude Bondi – che si felicita di disfare ciò che gli altri faticosamente costruiscono”.

Maria Saporito

Il ministro Renato Brunetta ha espresso la sua insofferenza per le scarse risorse erogatre da Tremonti
Il ministro Renato Brunetta ha espresso la sua insofferenza per le scarse risorse erogate da Tremonti