Parla S.Y., testimone del caso Cucchi: “Ho sentito il pestaggio e Stefano che piangeva”

Il 31 enne romano morto il 22 ottobre scorso

Il 31 enne romano morto il 22 ottobre scorso all'ospedale Sandro Pertini di Roma

Alla fine ha parlato S.Y., il supertestimone del caso Cucchi che ieri, in sede di incidente probatorio, ha riferito al gip Luciano Fiasconaro: “Ho visto Stefano Cucchi quando veniva trscinato dentro la cella. Non ho visto il pestaggio, ma solo rumore di calci, di una persona che cadeva, vociare, ancora calci e una persona che piangeva”.  Un’audizione durata quasi due ore nel corso della quale il detenuto originario della Gambia, con l’ausilio di un interprete, ha rinforzato la tesi che accrediterebbe il maltrattamento del 31enne romano alle guardie penitenziari del tribunale di Roma.

Per il pm Vincenzo Barba il testimone “nella buona sostanza ha ribadito ciò che aveva già dichiarato in precedenza”, mentre l’avvocato Diego Perugini, difensore di uno dei tre agenti di polizia penitenziaria indagati, tende a ridimensionare l’importanza delle dichiarazioni rese dal detenuto nordafricano: “Non ha visto nulla, ha solo sentito rumori che deduce essere state botte”. Intanto la magistratura dovrà pronunciarsi su un’altra richiesta di incidente probatorio che riguarda questa volta un testimone italiano che il 16 ottobre (data del presunto pestaggio di Cucchi ) si trovava in una delle celle di sicurezza del tribunale di Roma.

Nella babele delle reazioni seguite alle dichiarazioni di S.Y, Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, ha detto: “Un dolore che si rinnova. La disperazione di sentire la sofferenza di Stefano attraverso le parole del testimone”.

Maria Saporito

Notizie Correlate

Commenta