ABI conferma: sospensione dei mututi dal 1° gennaio

casa_soldi

L’Associazione Bancaria Italiana (ABI) ha ufficialmente garantito la sospensione delle rate dei mutui per le circa 120mila famiglie, che nel 2009 hanno subito una forte diminuzione di reddito, dal 1° gennaio 2010.

La moratoria delle banche, il “Piano Famiglie”, era stata approvata dall’ABI il 21 ottobre scorso, e il presindente Faissola e il direttore generale Sabatini avevano subito iniziato a coordinare ed estendere le misure di sostegno creditizio per le famiglie maggiormente colpite dalla crisi. La sospensione del pagamento del mutuo potrà essere effettuata per un massimo di 12 mesi, e alcune stime prevedono che il mutuo residuo complessivo sarà di circa 7 o 8 miliardi. Resta da decidere se ammortizzare gli importi del 2010 sui successivi 5 o 10 anni.

Potranno beneficiare del Piano Famiglie diversi soggeti: i lavoratori dipendenti a tempo indeterminato che sono stati licenziati; i lavoratori dipendenti a tempo determinato cui sia scaduto il contratto; i lavoratori autonomia che hanno cessato l’attività; i lavoratori in cassa integrazione; i nuclei familiari in cui è deceduto un componente rimunerato.

Entro la fine di novembre si dovrebbero conoscere con certezza tutte le modalità di domanda di sospensione e resta da organizzare il modo in cui coniugare questa misura con le altre preesistenti. Sulla data, lì c’è la garanzia dell’ABI.

 

Lorenzo Liguori

Notizie Correlate

Commenta