E adesso tocca al Sottodiciotto film festival

Partirà il 26 novembre a Torino e durerà fino al 5 dicembre la decima edizione del Sottodiciotto film festival, organizzato da Aiace Torino e Città di Torino – Divisione Servizi Educativi e ITER, diretto da Sara Cortellazzo e Aldo Garbarini. Una manifestazione importante cresciuta nel tempo insieme al numero delle presenze, dalle 6.000 iniziali alle 32.000 dello scorso anno. E i numeri di quest’anno sembrano non essere da meno, dal momento che per la decima edizione sono previste ben 1.400 prenotazioni da parte di scuole in arrivo dalla Valle d’Aosta alla Sicilia; si parla di 22.000 presenze studentesche complessive.

Il tema è inevitabilmente ispirato al corrente Anno Europeo della Creatività e dell’Innovazione, puntando a valorizzare l’inventiva degli under18 e non solo. Ben 400 titoli, omaggi, film inediti, dibattiti e incontri, dedicati al cinema d’autore e all’animazione, per accontentare il variegato pubblico del festival. La retrospettiva tocca a Mike Leigh, cineasta inglese Palma d’Oro a Cannes come miglior regista per «Naked» e per il miglior film con «Segreti e bugie», e Leone d’oro per «Il segreto di Vera Drake»: sarà ospite sabato 28 e domenica 29 novembre.

Un altro ospite di fama internazionale a cui Sottodiciotto dedica una personale sarà il Premio Oscar Aleksandr Petrov, regista-animatore russo de «Il vecchio e il mare» tratto da Hemingway, in sala il 5 novembre.

Altri ospiti: il cineasta e documentarista francese Laurent Chevallier che presenterà una quadrilogia di film in cui si raccontano i giovani e le radici musicali dell’Africa e il regista cinematografico e teatrale argentino Fernando Solanas che presenterà diversi suoi film tra cui “La proxima estacion”, inedito in Italia.

Infine grande omaggio tutto italiano a Mario Monicelli che tornerà a Torino dopo il Tff per presentare la versione restaurata di “cinema_sottodiciotto_film_festival

Padri e figli”. La Targa Città di Torino sarà invece assegnata a Citto Maselli, mentre nei programmi speciali verranno proiettate pellicole legate ai temi «Rom città aperta» e «C’era una volta il Muro». Insomma, ce n’è per tutti i gusti.

Claudia Fiume

Notizie Correlate

Commenta