Torna ad Assisi dopo 65 anni dipinto rubato dai nazisti

dipinto_trafugato_ufs--400x300

I carabinieri del Nucleo per la tutela del patrimonio culturale di Monza hanno recuperato un dipinto appartenente alla collezione Mason Perkins e lo hanno restituito alla diocesi di Assisi. L’opera d’arte era stata trafugata dalle truppe naziste nel febbraio del 1943. Il valore commerciale è di circa 120.000 euro.

Il quadro, olio su tela delle dimensioni 72 x 57 cm, raffigura una figura femminile. Questo è anche il titolo che compare, ma gli esperti credono che possa essere il ritratto di Vittoria della Rovere, nipote del cardinale Della Rovere, opera del noto maestro Justus Sustermans (1597-1681). L’operazione dei carabinieri è stata coordinata  dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Milano, Luigi Luzi e ha messo fine ad un operazione investigativa che dopo 65 anni ha individuato e restituito al legittimo proprietario il pregevole oggetto smarrito.

Un cittadino austriaco aveva messo in vendita l’opera a Milano ed è stato subito individuato dai carabinieri che lo hanno sottratto ai privati e lo hanno catalogato nei beni dispersi durante la seconda guerra mondiale. Perkins è un collezionista al quali Assisi deve molto. Infatti gran parte della sua collezione è stata donata a basiliche e pinacoteche dell’Umbria. Alla restituzione del dipinto erano presenti l’Arcivescovo di Assisi, monsignor Domenico Sorrentino, e il Comandante dei Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, il generale B. Giovanni Nistri.

Giuseppe Greco

Notizie Correlate

Commenta