Di nuovo in prigione l’ex assistente della duchessa di York

jane-andrews-pic-pa-49929850
Jane Andrews, l’ex-assistente di Sarah Ferguson che domenica scorsa riuscì a fuggire dalla prigione inglese in cui era rinchiusa per omicidio, è stata nuovamente arrestata dalla polizia.
 La Andrews, che prima della fuga era stata appena trasferita ad un carcere a bassa sicurezza, ora dovrà tornare nella sua vecchia prigione. E molto probabilmente dovrà rinunciare alla riduzione della pena che i giudizi avrebbe potuto accordarle nel 2012.
 
La polizia ha localizzato la donna “sana e salva” in un hotel vicino alla prigione di East Sutton Park , dove domenica notte non si era presentata a dormire. Il fatto che la Andrews, qualche giorno prima della sua sparizione, avesse assunto una forte dosi di anfetamine, aveva fatto pensare ad un possibile suicidio.
La donna, che per nove anni lavorò alle dipendeze della duchessa di York, nel 2000 uccise il suo fidanzato, il milionario Thomas Creesman, con una mazza da cricket e un coltello da cucina dopo una forte discussione, durante la quale l’uomo si era rifiutato di sposarla.
Una corte inglese la condannò all’ergastolo, concedendole la possibilità della libertà vigilata dopo 12 anni. La famiglia della vittima si era mostrata contraria alla concessione del regime di semi libertà, definendo la donna “una manipolatrice”. 
 
Annastella Palasciano

Notizie Correlate

Commenta