Basket NBA: non c’è gloria per gli italiani

Warriors Spurs Basketball

La notte NBA è stata decisamente avara di soddisfazioni per i tre cestisti azzurri impegnati nel campionato di basket a stelle e strisce. Per Toronto e New York sono arrivate due nette sconfitte esterne, all’interno di match nei quali il contributo dei nostri atleti non è stato all’altezza delle loro potenzialità.

Sul parquet di Charlotte, i Toronto Raptors di Bargnani e Belinelli vengono pesantemente battuti dai Bobcats padroni di casa, con l’eloquente punteggio di 116-81. Mai in partita la franchigia canadese, nella quale Andrea Bargnani salva parzialmente la faccia realizzando 15 punti – pur con un poco brillante 4/9 al tiro da 2 – in 28 minuti. Non positivo nemmeno Marco Belinelli: il bolognese gioca ben 25 minuti, ma le pessime percentuali (2/9 totale al tiro) lo bloccano a soli 7 punti messi a segno.

Non ridono di certo neanche i Knicks di Danilo Gallinari, che continuano la loro crisi di risultati perdendo 111-97 contro i Sacramento Kings. L’allenatore di New York, Mike D’Antoni, lascia in campo il cestista italiano per 30 minuti, non venendo però ripagato adeguatamente: il lodigiano chiude infatti a quota 8 punti, per colpa di un poco lusinghiero 2/7 al tiro da 3. La situazione di classifica per Gallinari e compagni resta deficitaria: dopo 15 partite giocate, sono solamente 3 le vittorie portate a casa dalla formazione della Grande Mela.

Daniele Ciprari

Notizie Correlate

Commenta