Poste Italiane: sotto attacco il sito, arrestati gli hacker

Sono tre giovani, uno dei quali minorenne, gli hacker che lo scorso 10 ottobre hanno mandato in tilt il sistema informatico di Poste Italiane, diffondendo il panico tra i tanti correntisti. Una task force costituita dalle forze di polizia e da Poste Italiane ha permesso di individuare i responsabile del cyber attentato ai quali è stato sequestrato una cospicua mole di materiale informatico al vaglio degli inquirenti.

Nonostante i tre pirati informatici avessero reso momentaneamente irrangiungibile la home page del sito, i sistemi di sicurezza applicati dall’azienda avevanoposte

comunque garantito l’integrità del data base centrale che custodisce i dati riservati sulla clientela. 

“Sono estremamente soddisfatto – ha detto l’Amministratore Delegato di Poste Italiane, Massimo Sarmi – per i risultati investigativi che confermano l’efficacia del nuovo modello di collaborazione tra i nostri esperti di Cyber Security e la Polizia Postale. L’incursione degli hacker ha in ogni caso dimostrato l’impenetrabilità dei sistemi di sicurezza informatica di Poste Italiane, che hanno impedito ai pirati di impossessarsi di informazioni riservate sulla clientela. Poste Italiane sta investendo importanti risorse – ha concluso Sarmi –  nella difesa contro il crimine informatico per garantire sempre meglio la sicurezza delle comunicazioni digitali a tutela dei privati, delle aziende e delle istituzioni”.

Maria Saporito

Notizie Correlate

Commenta