Home Sport Juve, parla Buffon: “Momento difficile? Siamo tutti responsabili”

Juve, parla Buffon: “Momento difficile? Siamo tutti responsabili”

Gianluigi Buffon, 31 anni
Gianluigi Buffon, 31 anni

Sono diversi i temi che ha affrontato Gigi Buffon, numero uno della Juventus e della Nazionale, in un’intervista rilasciata a SkySport24 nel tardo pomeriggio.

Buffon è partito dal momento difficile che sta affrontando la Juve, uscita con le ossa rotte dalla trasferta di mercoledì a Bordeaux: “Ho letto critiche molto pesanti nei confronti di Felipe Melo, Diego ed Amauri. Questo attacco nei loro confronti ha ferito tutti, siamo una squadra, dunque tutti responsabili. Il gruppo si deve compattare meglio per uscire da questo momento di difficoltà“.

Soffermandosi poi su Melo e Diego, il portierone azzurro ha ricordato che “le aspettative, quando si indossa il primo anno la maglia della Juve, diventano enormi. Può capitare che i nuovi arrivati non riescano a rendere al massimo delle loro potenzialità, ma le responsabilità di eventuali passi falsi vanno sempre divise con il resto del gruppo. E non dimentichiamoci che questi giocatori li voleva mezza Europa“.

Si era anche parlato di qualche diverbio di troppo all’interno dello spogliatoio bianconero. Ma Buffon non ci sta: “Ogni faccia a faccia che c’è stato da inizio anno è stato costruttivo. Ognuno ha espresso il proprio parere senza mai andare oltre il lecito“.

Il numero uno bianconero non vuol sentir parlare delle gare con Inter e Bayern Monaco: “Prima di queste due partite, che sono sicuramente importantissime, dobbiamo affrontare il Cagliari e cercare di batterlo con tutte le nostre forze. Poi penseremo ai nerazzurri e al Bayern, cercando di battere anche loro. D’altra parte, indossare la maglia della Juve significa cercare di vincere sempre“.

Nel pomeriggio, il capitano dell’Inter, Javier Zanetti, si era detto pronto a chiedere all’arbitro di sospendere la gara tra Juve e Inter se i tifosi bianconeri avessero nuovamente offeso in maniera razzista il compagno di squadra Balotelli. Buffon, però, sostiene che “i tifosi bianconeri sono molto corretti, e sono certo che non faranno alcun coro a sfondo razzista nei confronti del giocatore nerazzurro“.

Il portiere bianconero ha poi chiuso parlando del suo erede: “Il portiere italiano che mi piace di più? Marchetti del Cagliari, non ho dubbi. L’ho potuto vedere anche in prima persona negli allenamenti della Nazionale, mi ricorda com’ero io da ragazzo: spregiudicato, bravo e attento“.

Pier Francesco Caracciolo