Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica Chiesto il rinvio per “legittimo impedimento” all’udienza di Berlusconi

Chiesto il rinvio per “legittimo impedimento” all’udienza di Berlusconi

berlusconi

“Legittimo impedimento” è quello che blocca il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, a poter partecipare all’udienza del processo Mills, in cui il premier è imputato per corruzione giudiziaria, prevista per il 4 dicembre a Milano. Sono stati gli avvocati ad aver presentato l’istanza, dopo aver già storto il naso una settimana fa quando venne fissato il processo nei confronti del premier.

Secondo l’accusa, Berlusconi avrebbe fatto inviare 600.000 dollari nel 1997 all’avvocato britannico David Mills come ricompensa per non aver rivelato in due processi, dove era ascoltato come testimone, le informazioni su due società off-shore che secondo la procura sarebbero state usate da Mediaset per creare fondi neri. Per la cronaca, sulla vicenda, sia Berlusconi che Mediaset, hanno sempre negato.Quale miglior motivo? Il mese scorso, nella stessa vicenda, Mills è stato condannato in appello a quattro anni e mezzo per corruzione giudiziaria.

Sembrava che Berlusconi dovesse presiedere il Consiglio dei ministri, mentre ora i cari avvocati, Niccolò Ghedini e Pietro Longo, hanno motivato l’istanza spiegando che Berlusconi quel giorno deve partecipare alla cerimonia di inaugurazione di un tratto della Salerno-Reggio Calabria.

Alessandra Battistini