Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Colpita la Mafia in Puglia, sequestrati beni per 220 milioni

Colpita la Mafia in Puglia, sequestrati beni per 220 milioni

gdf

Con una operazione delicata e molto ben coordinata, la Guardia di Finanza ha arrestato  83 persone in Puglia facendo crollare alcune cosche. Gli arresti, disposti dalla Dda di Bari, riguardano accuse di associazione a delinquere di stampo mafioso, usura, traffico di stupefacenti, riciclaggio e omicidio.

Il clan Parisi, operativo anche a livello internazionale, si è visto apporre i sigilli alla propria holding e oltre 220 milioni in beni sono stati sequestrati. La misura cautelare, disposta secondo le leggi antimafia, riguarda patrimoni come terreni, azienda, auto costose, scuderie di cavalli da corsa e perfino un bookmaker attivo a Londra. Degli 83 accusati, 50 sono finiti in carcere mentre per gli altri 30 sono scattati gli arresti domiciliari. In questo gruppone le figure importanti rispondono ai nomi di ‘Savinuccio’ Parisi, capoclan barese, e Antonio Di Cosola, il boss in antagonismo con il clan Strisciuglio.

Parisi era da poco a piede libero dopo aver scontato una pena in carcere. Egli è ritenuto uno dei più attivi capomafia a Bari, nel rione Japigia, noto per il traffico di droga. Non sono tutti appartenenti alla mafia gli accusati. Compaiono anche figure dell’amministrazione comunale colpevoli di aver favorito attività imprenditoriale di stampo mafioso. Anche avvocati, professionisti e direttori di banca sono coinvolti nell’indagine che mostra per la prima volta come un’operazione del genere coinvolga anche persone della Bari bene con la criminalità organizzata. Intercettazioni telefoniche e ambientali avvalorano questa ipotesi.

Giuseppe Greco