Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Fini: Berlusconi non c’entra nulla con la mafia

CONDIVIDI

berlusconi_fini3_adn--400x300Il video pubblicato oggi da Repubblica (e ampiamente analizzato dal nostro quotidiano qui) che vede Gianfranco Fini protagonista di alcune considerazioni su Berlusconi e sulle dichiarazioni del pentito di mafia Spatuzza, ha scatenato nel corso della giornata numerose reazioni politiche.

Fra le fila dell’opposizione, il segretario del PD Bersani ha commentato dicendo di non essere affatto stupito delle parole di Fini, che “confermano i problemi interni alla maggioranza”. E se anche il leader dell’Udc Casini non vede niente di nuovo nelle dichiarazioni estrapolate dal video, Antonio Di Pietro afferma che Fini ha espresso idee proprie dell’Italia dei Valori e per questo il suo partito chiede al Presidente della Camera la coerenza, come esponente del Pdl, di far cadere il Governo.

Nella maggioranza la reazione generale è stata quella di trincerarsi dietro ad un secco no-comment, mentre il portavoce di Fini ha detto che il video, in cui il Presidente della Camera esprime concetti che ribadisce quotidianamente, dimostra la coerenza dell’ex leader di aenne.

In serata, con un flash dell’Ansa delle 23.11, è arrivata anche una nuova dichiarazione di Fini che, a Ballarò, dice: “Sono convinto che Berlusconi non c’entra nulla con la mafia“.
Ha suscitato molte polemiche, infatti, il passaggio del video in cui Fini parla della dichiarazioni del boss pentito Gaspare Spatuzza, definindole una “bomba atomica”, poiché tirerebbero in mezzo ai legami fra Stato e mafia l’ex Ministro dell’Interno Mancino e, soprattutto, il premier Silvio Berlusconi.
Nei giorni scorsi aveva fatto discutere la dichiarazione del Presidente del Consiglio che auspicava di poter “strozzare” l’autore della Piovra (fiction sulla mafia degli anni ’80 e ’90), tanto che Paolo Ferrero (Fed. della Sinistra) aveva denunciato il “linguaggio mafioso” utilizzato da Berlusconi. 

Gaetano Spatuzza, inoltre, il prossimo venerdì sarà ascoltato nuovamente dai magistrati palermitani in aula a Torino, dove potrebbe, quindi, concedere nuove rivelazioni.

Mattia Nesti 

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram