Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica Lombardo all’Ars: la maggioranza è ormai in frantumi

Lombardo all’Ars: la maggioranza è ormai in frantumi

lombardo_raffaele02

“Con la bocciatura del Dpef, nei giorni scorsi c’è stata la dissoluzione della maggioranza“. E’ un’ amara constatazione quella del Governatore della Sicilia, Raffaele Lombardo. Intervenendo all’Ars (Assemblea regionale siciliana), il presidente ha preso atto della palese difficoltà della sua maggioranza. “Il gruppo Pd all’Ars – ha detto Lombardo – ribadisce che la crisi dell’alleanza di centrodestra che ha sostenuto Raffaele Lombardo ha ormai raggiunto l’epilogo”, ma si dice anche “pronto a fare la sua parte per realizzare le riforme necessarie a cambiare la Sicilia”.

“I cittadini – ha continuato il Governatore – hanno votato ciascuno di voi e poi hanno votato il presidente della Regione. Abbiamo tutti pari legittimazione popolare. L’Ars ha in più lo strumento di fare andare avanti la Regione, sfuggendo alla tentazione di continuare a questo gioco al massacro: può presentare la sfiducia al presidente” poichè io, ha sottolineato Lombardo “non sono inchiodato alla poltrona“. Ma, precisa ancora: “Fin quando io ci sto devo servire la gente”.

L’amaro outing del Governatore è stato anticipato dalle dimissioni dell’assessore Gaetano Armao, oggetto di una mozione di censura da parte dell’ala democratica dell’Assemblea.  Ad Armao era stato contestato un conflitto d’interessi tra il suo ruolo nell’esecutivo (delega sui rifiuti) e la professione di avvocato nella gestione di affari inerenti alcuni termovalorizzatori.

Maria Saporito