Home Cultura A Firenze per la Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea: un caleidoscopico multiculturale per...

A Firenze per la Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea: un caleidoscopico multiculturale per promuovere il dialogo fra le civiltà

Si inaugura oggi a Firenze la settima edizione della Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea. Alla Fortezza da Basso – dal 5 al 13 Dicembre– saranno esposte 2000 opere di oltre 650 artisti provenienti da 78 Paesi. Il tema di quest’anno attualissimo, ispirato al programma delle Nazioni Unite e al pensiero di Kofi Annan- è il dialogo tra le civiltà efficacemente espresso in un percorso caleidoscopico e multiculturale che esplora stili e linguaggi diversi.

arte contemporanea

Star della kermesse, la performer, di origine jugoslava, Marina Abramovic: attiva dagli anni settanta è una delle figure di spicco dell’arte contemporanea degli ultimi 40 anni. Alcune delle sue performance sono rimaste memorabili: in “Balkan Baroque” – che le valse il Leone d’oro alla XLVII Biennale di Venezia nel 1997 – l’artista seduta su una montagna di ossa le ripuliva dal sangue, gesto simbolico per cancellare gli orrori commessi dai suoi connazionali durante i conflitti etnici degli anni 90. I visitatori potranno conoscerla dal vivo partecipando all’incontro in programma per l’8 dicembre (17:30).

Tra gli altri artisti della Biennale fiorentina: Ismail Acar (artista turco presente anche alla Biennale di Venezia), Christian Beck (che effettuerà video-proiezioni sulla spalletta dell’Arno), John Bellany (artista scozzese le cui opere sono esposte al MoMa, al Metropolitan Museum e alla Tate Gallery), Charles Billich (artista ufficiale di Atlanta ’96 le cui opere si trovano nelle collezioni del Vaticano, della Casa Bianca e delle Nazioni Unite), Oscar Cesares (ritrattista che presenterà la sua opera dedicata a Madonna), Cheng-Hsiung Chen (pioniere dell’astrattismo taiwanese), Andy Fluon (artista eclettico), Mario Pachioli (scultore monumentalista), Manuel Gonzàlez (Spagna), IceBear (Canada), Seema Kohli (India), Maciej Hoffman (Polonia), Eleonora Tugues Plaza (Venezuela) e Graciela Rodriguez (Argentina). Per la prima volta artisti dalle Isole Figi e dal Kashmir.

Giuliana Ricci

“Florence Biennale”, dal 5 al 13 dicembre, Fortezza da Basso, Viale Filippo Strozzi, 1, Firenze.

Orari: 10-20. Ingresso: 10 euro, ridotti 8 euro.

Informazioni: 0553249173, www.florencebiennale.org.