Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Richiamo di Napolitano: “Sulle stragi non è tutto chiaro”

CONDIVIDI

6233_GiorgioNapolitano_2Sabato 12 dicembre ricorrerà il quarantesimo anniversario della strage di piazza Fontana, uno dei più gravi attentati terroristici mai avvenuti nel nostro paese che nell’ormai lontano 1969 provocò a Milano 17 morti ed 88 feriti. In vista della ricorrenza, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha stamani incontrato – nella prefettura del capoluogo lombardo – i familiari delle vittime della strage.

Nel suo discorso ai presenti, il capo dello Stato ha rivolto il suo pensiero all’abnegazione e alla tenacia mostrata in questi lunghi anni dai parenti delle vittime: “Ammiro la vostra tenacia in questi 40 anni, la passione civile, l’impegno che mostrate per alimentare la memoria collettiva e la riflessione. Nelle parole di Napolitano c’è spazio anche per un severo monito: sugli eventi che hanno segnato profondamente l’Italia nel corso degli anni di piombo non sempre è stata fatta piena chiarezza.

Sempre rivolgendosi ai familiari delle vittime, il Presidente afferma: “Comprendo il peso che la verità negata rappresenta per ciascuno di voi, un peso che lo Stato italiano porta su di sé. Ciò che è avvenuto non è del tutto chiaro e limpido e non è del tutto maturato”. Per evitare quindi che divergenze e contrasti sfocino di nuovo in episodi minacciosi per la vita civile, “la lezione data da piazza Fontana” non deve essere dimenticata.

Daniele Ciprari

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore