Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica Richiamo di Napolitano: “Sulle stragi non è tutto chiaro”

Richiamo di Napolitano: “Sulle stragi non è tutto chiaro”

6233_GiorgioNapolitano_2

Sabato 12 dicembre ricorrerà il quarantesimo anniversario della strage di piazza Fontana, uno dei più gravi attentati terroristici mai avvenuti nel nostro paese che nell’ormai lontano 1969 provocò a Milano 17 morti ed 88 feriti. In vista della ricorrenza, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha stamani incontrato – nella prefettura del capoluogo lombardo – i familiari delle vittime della strage.

Nel suo discorso ai presenti, il capo dello Stato ha rivolto il suo pensiero all’abnegazione e alla tenacia mostrata in questi lunghi anni dai parenti delle vittime: “Ammiro la vostra tenacia in questi 40 anni, la passione civile, l’impegno che mostrate per alimentare la memoria collettiva e la riflessione. Nelle parole di Napolitano c’è spazio anche per un severo monito: sugli eventi che hanno segnato profondamente l’Italia nel corso degli anni di piombo non sempre è stata fatta piena chiarezza.

Sempre rivolgendosi ai familiari delle vittime, il Presidente afferma: “Comprendo il peso che la verità negata rappresenta per ciascuno di voi, un peso che lo Stato italiano porta su di sé. Ciò che è avvenuto non è del tutto chiaro e limpido e non è del tutto maturato”. Per evitare quindi che divergenze e contrasti sfocino di nuovo in episodi minacciosi per la vita civile, “la lezione data da piazza Fontana” non deve essere dimenticata.

Daniele Ciprari