Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica Caro Nichi ti scrivo così ti ritiri un pò

Caro Nichi ti scrivo così ti ritiri un pò

nichi

Alla fine la linea politica caldeggiata da Massimo D’Alema sembra essere quella destinata a incassare il successo definitivo: le primarie in Puglia per le prossime elezioni regionali non s’hanno da fare e l’attuale Governatore, Nichi Vendola, è stato ufficialmente invitato a fare un passo indietro. Anche dai colleghi locali.

Le ragioni della politica “contrattualistica”  (che guarda all’ Udc e all’ Idv) sembrano avere la meglio sui meriti riconosciuti e sull’ “alto gradimento” del presidente della Regione presso buona parte della cittadinanza e degli amministratori del territorio.

Adesso è Sergio Blasi, segretario pugliese del Pd a chiedere a Vendola uno sforzo in direzione contraria. Ieri sera Blasi ha diffuso una lettera indirizzata ai Democratici di Puglia in cui ha chiarito ogni cosa: “l’Udc e l’Idv, partner decisivi di questa rinnovata stagione di cambiamento in Puglia – dice nella lettera –  ci chiedono discontinuità, ponendo al presidente Vendola la richiesta di un passo indietro”.

E ancora: “E’ chiaro a tutti, per primo al presidente Vendola – prosegue Blasi – che senza una nuova alleanza che contempli pure l’Udc il rischio di interrompere qui questo processo (di cambiamento, ndr) è assai concreto. Ecco perché chiedo all’amico Nichi Vendola di farsi carico di questa responsabilità e di individuare insieme a me e al Pd una personalità che raccolga la sua storia e la stagione di cui insieme al Pd è stato protagonista”.

 “A volte – conclude il segretario regionale dei democratici –  fare un passo indietro può solo apparentemente raccontare un indietreggiamento, a volte quell’apparente indietreggiare è come tendere l’elastico per rilanciare più avanti e con più forza il progetto della Puglia migliore”.

Nella lettera Blasi riconosce i grandi meriti riconducibili all’attività politica svolta dal Governatore in questi anni, ma ricorda altresì che esistono nuove e più pressanti richieste: le “novelle” alleanze (all’insegna del “vecchio”) bussano alla porta per permettere che “tutto cambi per rimanere com’era”. Il Gattopardo docet.

Maria Saporito

Comments are closed.