Home Spettacolo Chiude dopo 25 anni il Maurizio Costanzo Show

Chiude dopo 25 anni il Maurizio Costanzo Show

Maurizio-Costanzo-Show1

Questa sera alle 22.30, su Canale 5, va in onda l’ultima puntata del Maurizio Costanzo Show. Dopo ben 25 anni e qualcosa come 4391 puntate, cala definitivamente il sipario al teatro Parioli sul talk show più longevo della storia della televisione italiana.

Per l’occasione, il padrone di casa offrirà ai telespettatori una puntata in stile tradizionale, con il parterre eterogeneo che ne è stato caratteristica peculiare per tanti anni e che questa sera sarà composto da Afef, Andrea Camilleri, Enzo Iacchetti, in collegamento da Milano, Gino Strada, Raffaele Morelli, Katia Ricciarelli e Alfonso Signorini. L’unica concessione al passato sarà la riproposizione di alcuni spezzoni della puntata che ne festeggiò il ventennale, andata in onda in prima serata  il 19 dicembre del 2001 e condotta da Costanzo con Bonolis.

Il programma, ideato da Maurizio Costanzo e  Alberto Silvestri, esordisce su Rete 4 il 14 settembre del 1982 nel prime time del martedì. L’idea funziona e si consolida, e a gennaio del 1986 si merita il passaggio a Canale 5, dove va ad occupare la seconda serata dopo Dinasty e Hotel, trasformato in appuntamento quotidiano e diventando, per quasi un ventennio, un’abitudine irrinunciabile per tantissimi italiani.

Si occupa di tutto, il Costanzo Show, dagli argomenti di incalzante attualità alle stramberie più improbabili, con interviste individuali che diventano spunto per ragionamenti collettivi. E’ in prima linea contro la mafia con Falcone e Santoro, meritandosi una bomba, riesce a commuovere Gorbaciov nel ricordo della moglie, insegna teatro con Carmelo Bene, intervista il Dalai Lama, Kirk Douglas, Robin Williams, Sordi, Manfredi,Villaggio e Monica Vitti, ma anche, fa piangere la Franzoni, dà il là agli strepiti di Sgarbi, parla di Atlantide con Compassi e comunica con i morti con Rosemary Altea; il tutto, accompagnato dagli immancabili stacchetti al piano di Franco Bracardi, o quelli della Demo Morselli Band. Ospita ogni giorno politici, scrittori, filosofi, attori, comici e vedette di primo piano, arrivando all’invidiabile cifra di 32.800 ospiti, e scoprendo un numero imprecisato di nuovi personaggi, un elenco infinito che annovera, oltre i già citati Enzo Iacchetti e Vittorio Sgarbi,Valerio Mastrandrea, Ricky Memphis, Dario Vergassola, Stefano Nosei, Enrico Brignano e tanti altri.

Questa sera l’ultima puntata, e quando calerà il sipario, Maurizio Costanzo prenderà commiato dal suo pubblico ringraziando chi, il programma, l’ha favorito e prodotto, cominciando da Silvio e Pier Silvio Berlusconi, di cui sottolineerà la correttezza per l’assoluta autonomia concessa in tanti anni, per passare ai moltissimi redattori che si sono alternati, Luisella Testa e Marina Nocella su tutti, ai registi alla guida del programma, come Paolo Pietrangeli e Valentino Tocco e agli scomparsi Alberto Silvestri e Franco Bracardi.

“E poi – concluderà Costanzo – devo ringraziare voi, voi pubblico. Senza la vostra presenza costante per tanti anni qualunque programma sarebbe naufragato. Grazie, perciò, perchè non avrei mai potuto avere quei 33 mila ospiti e vivere 25 anni della storia del nostro Paese con loro e con voi. Voglio anche dire che ovunque io continuerò a fare televisione, le mie idee, i miei principi, le mie battaglie, che mi hanno consentitio di rimanere così a lungo davanti alle telecamere, saranno sempre le stesse. Con quelle idee e quelle battaglie ci siamo conosciuti e ci siamo reciprocamente apprezzati. Spero che così continui ad essere. Perciò, grazie e non perdiamoci di vista“. (fgmg)