Home Spettacolo I grandi del Jazz a dicembre Siena

I grandi del Jazz a dicembre Siena

siena jazz

Dal 15 al 19 di dicembre Siena diventerà la capitale europea del Jazz. Da Eddie Herderson a Donald Friedman, da Eddie Gomez a Aaron Goldberg passando per straordinari musicisti come Eric Harland, Kurt Rosenwinkel, Billy Hart e Jeff Ballard, accanto ai grandi del jazz italiano come Achille Succi, Piero Leveratto, Roberto Gatto e Pietro Tonolo saranno protagonisti “dell’In.Ja.M“, il corso biennale considerato uno dei più prestigiosi ed innovativi d’Europa, organizzato dalla Fondazione Siena Jazz. Raramente musicisti di questo calibro si ritrovano insieme sullo stesso palcoscenico, ma questi venti musicisti insegnano a Siena e sul palco formeranno una straordinaria parata di artisti in due serate imperdibili: quattro esibizioni uniche, straordinarie performance che metteranno in luce il grande talento dei maestri scelti dalla Fondazione Siena Jazz per questa prima fase del master. Entrambe le serate si svolgeranno all’Enoteca Italiana all’interno della Fortezza Medicea. La prima parte concertistica andrà in scena questa sera, alle 21.45. Sempre alla stessa ora, domani venerdì 18 dicembre, ci sarà la seconda parte concertistica. L’ingresso è libero. Grandi artisti nella doppia veste di musicisti e di insegnanti, che partecipano a questa intensa cinque giorni dell’In.JaM, “l’International Jazz Master” in Tecniche dell’Improvvisazione, master a numero chiuso per 52 studenti-musicisti, riservato a giovani artisti con esperienza professionale o semiprofessionale di prim’ordine. Un’assoluta novità per l’Europa, con un formato innovativo che permette ai partecipanti di perfezionare ed approfondire ulteriormente le proprie competenze strumentali e la tecnica dell’improvvisazione con lezioni individuali e di gruppo. In poche parole: un’occasione unica per vivere grandi emozioni a suon di Jazz in una splendida città d’arte come Siena. Le nostre orecchie godranno sentendo il mix di tromba, sax tenore, pianoforte, contrabbasso e batteria.  
Andrea Bonino